Emergenza Borderline

Borderline: tre pazienti rompono il silenzio sul disturbo

Non solo genera stigma tra il grande pubblico e nei film ma alcune persone lo hanno anche sperimentato in qualche misura dai professionisti che li supportano.

Lo stigma più che altro deriva dalle parole: “disturbo della personalità” e siamo onesti, una parte di responsabilità ce l’hanno anche alcuni film. La famigerata stalker Alex Forrest intepretata da Glenn Close di Attrazione Fatale ad esempio oppure l’assassina di cuccioli Hedra interpretata da Jennifer Jason Leigh in Inserzione pericolosa per citarne solo due.

Ho deciso di sfidare questo ridicolo stereotipo intervistando tre persone di talento a cui è stato diagnosticato un disturbo di personalità borderline.

Jodie Goodacre – attivista per la salute mentale. Il DBP secondo Jodie: “È come essere uno yo-yo umano”.

Jodie Goodacre @Female First

Jodie è un infaticabile attivista per la salute mentale, studentessa universitaria, tutor e amica. La sua attività fa un’enorme differenza per coloro che stanno vivendo la malattia mentale. Nell’ottobre dello scorso anno, Jodie è stata invitata a visitare Buckingham Palace alla presenza del Duca e della Duchessa di Cambridge e del Principe Harry per la Giornata mondiale della salute mentale. È stata invitata grazie al suo instancabile lavoro con Time to Change nello sfidare lo stigma riguardo la salute mentale.

In parole povere, Jodie Goodacre è un’appassionata sostenitrice dell’importanza della cura della salute mentale che parla regolarmente nelle scuole e agli eventi, nonostante le sfide che affronta a volte a causa degli episodi depressivi debilitanti che prova. Jodie dice: “Penso che le persone con disturbo borderline siano spesso etichettate come ‘manipolative’ e ‘non compassionevoli’ ma semmai, personalmente, ritengo che la malattia mentale mi abbia portato ad essere una donna molto più riflessiva e compassionevole. Il DBP può farti provare emozioni intense, che possono essere debilitanti, ma anche questo può essere positivo. Quando provo orgoglio o gratitudine per qualcuno, lo sento pienamente.” Poi aggiunge: “Ma mi è stato detto che sono pigra, nei giorni in cui semplicemente non riesco ad alzarmi dal letto. Mi è stato detto che sono una cattiva amica per aver cancellato i piani perché il peso della depressione mi sembrava troppo forte. Ogni volta che ricevi un commento stigmatizzante, è un’altra barriera da scalare. Abbiamo bisogno di rimuovere quelle barriere. Abbiamo bisogno di educare. Dobbiamo porre fine allo stigma.”

Chris Young – autore e escursionista. Il DBP secondo Chris: “Emozioni travolgenti come cavalli al galoppo, dissociazione e ideazione suicidaria che ti fanno sentire come se fossi intrappolato, un ostaggio”

Chris Young @BBC

Chris è un autore, un oratore, un attivista, un fan di West Bromwich Albion e soprattutto un marito amorevole per Ella. La sua campagna di sensibilizzazione Walk A Mile In My Shoes lo ha visto girare per il Regno Unito per sensibilizzare sulla malattia mentale e in questo viaggio ha incontrato tante persone che lo hanno supportato offrendogli vitto, alloggio e compagnia. Dice: “Ero distrutto quando ho ricevuto la diagnosi nel 2007. Mi sono laureato in psicologia dal 1989 – e l’ultima cosa che ricordo è il nostro docente di psicologia clinica che ci raccontava che il disturbo borderline era che era la “diagnosi della pattumiera” – quello che dicevano alle persone quando non sapevano cos’altro dire. Sono stato anche un assistente sociale per 17 anni – e avevo sentito tutto il linguaggio stigmatizzante intorno alla diagnosi – che la gente con il DBP era manipolativa e alla ricerca di attenzione.” Chris ha scritto sulla sua esperienza di vivere con disturbo borderline di personalità in un libro chiamato Walk A Mile – Tales Of A Wandering Loon. Leggendo delle sue esperienze si capisce come il trauma ha avuto un impatto sulla sua malattia e anche quanto possa essere complesso e devastante ma vedi anche una personalità divertente e amichevole che splende oltre il disturbo.

La sua malattia non lo definisce, a volte gli impedisce di fare le cose che vuole fare. È traumatico per lui. Dice: “Non penso di poterlo dire abbastanza forte – il disturbo borderline è una merda ma se mi torceste il braccio, ammetterei che c’è, forse, un superpotere borderline. Credo di avere un maggiore senso di empatia che potrebbe derivare dai sentimenti intensi che il disturbo ispira. Il problema per me è che l’ho usato per cercare di diventare ciò in cui credevo che gli altri avessero bisogno mi trasformassi. A volte sono diventato un camaleonte – qualcosa che non andava bene a nessuno. La psicoterapia di gruppo mi è stata di grande aiuto, ma a volte devo ancora lottare con quella visione un po ‘sfuggente di me che posso avere.”

Esther Beadle, esperta di salute pubblica, blogger e giornalista. Il DBP secondo di Ester: “È come fare un bagno davvero imprevedibile. Un momento è un tiepido, poi profondo e bollente e poi davvero freddo e congelato. “

Esther Beadle @Mirror

Esther è una giornalista motivata e appassionata e la sua voce dovrebbe essere ascoltata. In realtà, lei dice che l’ambiente delle giornalismo è adatto a qualcuno i cui stati d’animo possono oscillare drammaticamente: “Poiché sono una persona ‘tutto o niente’ a causa dei miei problemi di identità, posso davvero buttarmi nel lavoro. A volte posso essere un po’ assorbito dal punto di vista umano. Questo può davvero aiutare in una redazione – fino a quando non diventa onnipotenza. Inoltre il fatto che posso mantenere alta l’attenzione solo per poco tempo e gli stati d’animo veloci, oscillanti si adattano bene a qualsiasi ritmo veloce. Ti abitui ad adattarti rapidamente e ti abitui anche a spingere i sentimenti difficili da una parte. Utile se hai a che fare con qualcosa di angosciante.”

Ovviamente come Jodie e Chris, Esther lotta con alcuni dei sintomi della DBP – e infatti afferma che il suo più grande successo è sopravvivere, dato che così tante persone con DBP sperimentano un’idea suicida. Ma come Chris e Jodie, Esther scopre anche che la sua tendenza a sentire l’impatto delle emozioni estreme le consente di essere più empatica con gli altri.

Libera traduzione a cura di Emergenza Borderline dall’articolo originale Three BPD sufferers break the myths around borderline personality disorder

 

2 pensieri su “Borderline: tre pazienti rompono il silenzio sul disturbo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *